Profezia avverata, profezia esorcizzata

È successo, finalmente.

Purtroppo. Ma anche per fortuna.

Una volta avverata, una profezia la cacciamo via dalla testa.

Una volta accaduta, materializzatasi una premonizione (per mesi in-proiettataci a immagini intermittenti, poi di volta in vota sfocate e man mano sempre più nitide), non ci si pensa più.

È fatta.

Ci siamo tolti il pensiero.

Auto in panne, notte piena, buio pece, asfalto montanaro e monotono; silenzio egoista e solitario che vorace inghiotte – mai sazio, in sordina – sbadigli di rari motori, marmitte insonni di piloti temerari, segnaletica contata goccia a goccia ogni quattro curve e due rettilinei, in una gola di asfalto che più del nulla non si può.

La linguetta inizia a ribattere, l’elastico nevrotico di una bretella frulla vorticosamente in una centrifuga stridente e folle. L’orecchio, più spaventato che curioso, si interroga provando a identificare il messaggio che pur facendo scintille promette non gioia ma nulla di buono.

Non un messaggio di pace.

Il pensiero balbetta simulando lucidità. “Non è nulla. Non è vero che penso non sia nulla”.

Provi a sbarazzarti del terrore. Come quando scacci una mosca molesta.

E non ci credi tu per primo.

I segnali si fanno più inquietanti.

L’affanno nell’accelerata, il respiro corto fra una marcia e l’altra, a scalare, poi il rantolo e infine l’infarto. Del motore. E il tuo.

Un colpo – l’ultimo – sordo che, però, sente benissimo il tuo panico, (e che anche tu odi chiaramente) Vi blocca su un viadotto che – quanto a cultura – ha solo studiato il modo per fartici lasciare le penne.

In quell’anfratto di emozioni stritolate dal sonno e dal freddo non c’è spazio per sedersi, per stare ritti in piedi, per accasciarsi di dolore o crepacuore. Non c’è spazio. Non c’è tempo. E in quel nulla, esanime, tutto l’attimo che ti serve. Coglilo. Devi coglierlo pur senza aver seminato, accucciata sul ciglio di una corsia che è un occhio chiuso, come un animale ferito. Dal quadro nessun segno di accensione.

Ma a venti minuti dall’ictus meccanico ci riprovi, deglutendo odore di gasolio, con l’aritmia che ti ha ghiacciato anche la chiave. E la creatura si rimette in cammino, col fiato corto, allungandosi di altri cinque metri cinque, laddove la piazzola di un distributore (TOTALmente all’oscuro anch’essa, scorta con una vista disperata a infrarossi) si apre in un abbraccio commovente.

Il telefono prende. Secondo miracolo dopo la scampata mousse di auto e tir.

Mezz’ora all’arrivo dei soccorsi.

Infinita. Più della paura.

Più lunga della notte più lunga di tutte le notti più lunghe di tutte.

Amen: la profezia si è avverata.

Basta incubi.

Adesso scrivo.

 

Autore: Anita Madaluni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...