Perché il mio e-commerce non vende?

“Ho fatto fare una bellissima vetrina online, una di quelle cose che in gergo tecnico si chiamano “e-commerce”. Ricevo un sacco di visite. Ma non vendo. Perché?”

Questa è una delle domande che mi pone più spesso chi mi chiede un parere in ambito web marketing. Il punto è che non basta avere un bell’e-commerce, per vendere. Occorre che il negozio sia visibile, rintracciabile e faccia in modo di ATTRARRE pubblico. Il principio (della rintracciabilità e dell’attrazione) vale  fuori dalla rete tanto quanto dentro.

  1. Il primo passo è curare i contenuti. Prima di curare i contenuti, tuttavia, serve conoscere il potenziale cliente (il “target”) per
    • capire i suoi bisogni (e soddisfarli);
    • parlare la sua lingua;
    • trovare argomenti che gli interessino;
    • individuare modalità di interazione che lo stimolino.
  2. Il secondo step è quello che gli inglesi chiamano “KISS APPROACH”. L’acronimo sta per KEEP IT SIMPLE STUPID” (ovvero: “FALLO A PROVA D’IMBECILLE”), esattamente come un’istruzione. Ovvero tienilo semplice, facile e privo di animazioni complesse (che hanno l’unico risultato di incasinare il processo d’acquisto). Il tuo e-commerce, per vendere, dev’essere FACILMENTE NAVIGABILE e non far perdere tempo.
  3. Grande attenzione va poi data alle immagini, che devono essere quanto più esplicative del prodotto. Meglio se anche evocative. E, come sempre, non salvate con generici numeri (“Img14678_ok_ok”!!!), ma con NOMI che siano in qualche modo delle etichette.
  4. Le informazioni che dai devono essere ESAURIENTI, e fugare ogni dubbio. O quasi. E devono essere date in modo divertente e coinvolgente (solo così un’informazione di prodotto si trasforma in un buon motivo per comprare).
  5. I bottoni che scegli devono far venir voglia di andare avanti e concludere l’esperienza d’acquisto. Il carrello deve SEMPRE essere visibile, in pole position, su ogni pagina.
  6. E l’immagine globale deve venire dal marketing, non dal caso o dal web-master.
  7. Chi sta per comprare non ti conosce: lascia i tuoi contatti per fare in modo che si senta sicuro e proceda all’acquisto.
  8. Se ci sono sconti, fai in modo che siano visibilissimi. Idem per promozioni o sondaggi.
  9. Lascia spazio a diverse possibilità di pagamento, inclusa quelle alla consegna.
  10. E – se possibile – trova un modo perché le spese di spedizione siano gratuite (magari a partire da una certa soglia!).

Prima di pensare al decalogo, però, chiediti se hai tempo e capacità per occupartene da solo o se non sia più proficuo che tu ti concentri sul tuo lavoro e qualcun altro, che di lavoro aiuta a vendere online, lo faccia per te.

😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...