Mutande parlanti: primo in classifica su Amazon nella categoria Humour!


MUTANDE PARLANTI COVER AMAZON“Mutande parlanti”
è primo in classifica. Su Amazon. Nella categoria humour.

mutande parlanti 1 amazon classifica bestseller

L’ho scoperto per caso, mentre gongolavo per la pole di un grande libro su cui ho avuto il culo l’onore di mettere le zampe.

Di cosa parla? Di eros. Con la minuscola e senza Thanatos. Attraverso 17 racconti, tra il breve e il per niente affatto, intorno e fuori (ma soprattutto fuori) dal talamo. Diciassette pezzi di vita, immago e follia crepuscolare in cui si mescolano le voci di oggetti (troppo a lungo) ritenuti inanimati, con la fantasia sfrenata di un’adolescente degli anni Settanta. Diciassette case sull’albero in cui rifugiarsi dopo una lunghissima giornata di lavoro e sfuggire ad un altrettanto impegnativa notte insonne. Diciassette cioccolatini al peperoncino, da succhiare con i cracker e accompagnati da un calice di Pinot ramato ghiacciato. O un succo alla pera.

Ah. Ed è gratis, per lo meno per qualche giorno. Forse solo per domani, chissà.

Un pensiero riguardo “Mutande parlanti: primo in classifica su Amazon nella categoria Humour!

  1. Strano ma intrigante. I racconti brevi sono piacevoli, come i capitoli brevi. Ma è una personale inclinazione. Quando ho sonno, se non sono arrivata ad un punto, vado avanti ad oltranza.

    L’erotismo, la sensualità possono essere uno spettacolo quando si riesce a dire tutto chiaramente ma senza volgarità. I sotterfugi del lasciare intendere ti stufano alla lunga.

    Uno dei libri che ho amato e lo ha letto persino mia madre, vicina ai 70 anni è, nel suo genere: Memorie di una maîtresse americana.
    L’idea peggiore che potessi avere l’ho, non volutamente, messa in atto: leggere in spiaggia circondata da famiglie tutte d’un pezzo.
    Un elenco di lamentele al proprietario della spiaggia perché “la vicina legge cose sconce e noi abbiamo dei bambini”.

    E’ tutta una vita. Oddio, la protagonista, Nell, è un filo ninfomane. Ma è una storia vera che racconta una vita vera calata nell’800, quando i bordelli divennero legali.
    Racconta le lanterne rosse, perché i marinai potessero essere ritrovati in caso si dovesse ripartire in fretta e furia. Segui le lanterne, trovi marinaio.

    Racconta il proibizionismo e la chiusura delle case di malaffare. Ha un ritmo da musica rock in certi momenti e Ravel in molti altri. In alcuni passaggi sembra di vedere Wall Street alla chiusura della borsa.

    La cura della persona, pidocchi per lo più, per essere le migliori.

    Non leggetelo in spiaggia ma, se lo trovate: la giovane poi vecchia maîtresse americana poteva benissimo fare la scrittrice. Se non avesse fatto il mestiere più vecchio del mondo al massimo avrebbe scritto: casalinghe disperate.

    Roberta

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...