Tunisia Award: da dentro.

Arancio e azzurro: sono i colori che riporto dai Tunisia Award, organizzato dal ministero del turismo tunisino come riconoscimento per l’impegno nella promozione della loro terra. Arancio, come la frutta, i piatti, le stoffe e le spezie nei mercati all’aperto della medina di Hammamet. Come il sole alle cinque di pomeriggio. E come il mio […]

Read More Tunisia Award: da dentro.

I puntini di sospensione sono tre. Ma se diventano cinque o sei, non prendi fuoco.

“Qual è” si scrive senza apostrofo. Colour in UK ha la u. In America no. Dopo il punto si usa la lettera maiuscola. I nomi comuni, all’interno di un periodo, si scrivono in minuscolo (ma il “Capo Supremo” di Fantozzi aveva una targhetta sulla porta che recitava: “Direttore Naturale, Gran Mascalzon., Lup. Man., Pezz. di […]

Read More I puntini di sospensione sono tre. Ma se diventano cinque o sei, non prendi fuoco.

L’ego di uno scrittore fantasma o è muto o appartiene a uno scrittore sordo.

Non è che non ci parli, io, con il mio ego. Per fare questo lavoro. No. Per coltivare questa passione Nemmeno. Per fare quello che faccio (ci siamo), senza dover indossare quelle belle camicine bianche, chiuse da tanti laccetti sulla schiena, ho imparato a distinguere tra la soddisfazione per i successi conclamati e reclamizzati di Roberta Giulia Dusi […]

Read More L’ego di uno scrittore fantasma o è muto o appartiene a uno scrittore sordo.

Di più. Con meno.

Amidani “The door/the chance” Produzione Urbinate – Primavera 2000 cm 70 x 50 – olio su tela Forse perché qualcuno, da piccola, non riteneva avessi abbastanza talento il liceo, dopo aver preso la laurea di mio padre (ovvero quella che lui voleva per me) e dopo un paio d’anni di specializzazione, finii, senza minimamente rendermene […]

Read More Di più. Con meno.