Posto fisso, alea, invidia e libertà sulla tua strada di un freelance e di chi non capisce perché tu faccia il freelance.

tramonto_in_strada

Se capisci cosa ti piace fare sul serio, scopri che sei capace di farlo e decidi di lavorare da solo, di avviare un’impresa, aprire una partita IVA, trovarti clienti, fare in modo che ti cerchino loro e che quando ti scelgono non se ne pentano, e poi ti paghino e te ne presentino altri, ci sarà sempre qualcuno che proverà a farti cambiare idea. Per quanto tu sia felice della strada intrapresa e del panorama che vedi, là fuori un sacco di gente cercherà di scoraggiarti, facendoti riflettere sul valore di un POSTO FISSO, sui pericoli dell’ALEA, sull’inconsistenza/inutilità del tuo lavoro.

Solo che… il posto fisso non esiste, non più, e non è fisso nemmeno quando fa finta di esserlo, l’alea fa parte dell’esistenza e se il tuo lavoro funziona (e tu fatturi) è perché funziona, ma chi ti dice che non hai capito, che dovresti lavorare alle poste, in banca, o tornare a fare il dirigente e non preoccuparti di altro se non sorridere all’amministratore delegato durante i meeting del lunedì mattina, non ha idea di come funzioni, davvero. Perché probabilmente a un meeting del lunedì mattina non si è mai seduto, per esempio… Parla giusto perché ha bocca, corde vocali e forse anche un surplus d’invidia da smaltire.

La differenza, tra te che hai fatto una scelta e chi ti dice che hai fatto quella sbagliata, è proprio la scelta. Quella che tu hai meditato, pesato, ponderato e poi FATTO. E che qualcun altro, che magari ti critica oggi e continuerà a farlo domani, non ha nemmeno preso in considerazione.

E tu, a differenza di lui, di loro, ogni giorno ti devi alzare e correre come una gazzella, oppure acquattare come un leone in attesa della sua preda, devi cercarti clienti o fare in modo che ti trovino (passando ore davanti allo schermo, su Twitter, Instagram, Facebook), devi prendere l’auto e andare ai convegni, partecipare ai congressi e scrivere e postare e rispondere al telefono dal lunedì alla domenica, a volte, ma hai la libertà, la meravigliosa, fantastica, intergalattica libertà di decidere perché, quanto, come, per chi e con chi. E se sei bravo, e continui a studiare, a impegnarti a migliorare la resa di ciò che fai, qualunque cosa sia, può addirittura capitarti (!) di insegnare ad altri quello che fai tu. E quindi, crescere!

Quello che proprio non puoi evitare, è di sentire qualcuno che parla male di te (o a te)*, come spiega Andrea Girardi, al secolo @Girandir, nel suo post di oggi:

“Non hai un lavoro serio. Non si capisce cosa cavolo fai tutto il giorno davanti a uno schermo e quelle poche volte che non sei, allora hai in mano un telefono., un… un coso, lo… lo smartphone!

E poi non fai altro che foto stupide, e dici un sacco di cretinate, perché lo sappiamo che scrivi cose strane e nessuno capisce bene come sia questa storia che alle volte vai in giro dai tuoi amici che si siedono tutti insieme e ti ascoltano mentre parli di … di…. ma poi cos’è quella roba di cui parli?

Perché alla tua età dovresti trovarti un lavoro vero. Guarda tuo cugino che ha quel posto alle poste… e se tu facessi come lui poi avresti i tuoi bei 15 giorni a ferragosto e magari fra qualche anno ti compri pure una panda 4×4 e sei a posto. “

Questo è più o meno quello che senti dalla generazione che ha avuto tutto, ma c’è anche di peggio sai? E sì perché poi c’è la concorrenza, quella che non ti perdona il successo.

” Tutta fuffa, sei tutta fuffa!”

Leggi il resto, qui:

Hai alzato lo standard.

*Ma puoi evitare di darci peso!

3 pensieri riguardo “Posto fisso, alea, invidia e libertà sulla tua strada di un freelance e di chi non capisce perché tu faccia il freelance.

  1. L’invidia è una brutta bestia Roberta, riassumibile in “ti odio perché sei felice”. Si inventano cattiverie per screditare gente che non ti ha fatto niente e le diffondi con costanza; uno spreco tale di energie che impiegate diversamente ti porterebbero ad essere oggetto di invidia. Ma di imbecilli ce ne sono sempre tanti in giro.

    Mi piace

    1. Già, Andrea, soprattutto quando ti rode il verde acceso e brillante e fico dell’erba del vicino e invece di innaffiare la tua, passi il tempo a sputare veleno sull’altra. Che dici? Sarà perché è più facile criticare il successo altrui, piuttosto che rimboccarsi le maniche e farsene uno proprio?

      Mi piace

      1. Credo che sia proprio una questione di stupidità: attaccando te gratuitamente e magari anche inventando pensano di avere un vantaggio su qualcosa o qualcuno. E intanto affondano. Una persona con un cervello non perde tempo a guardare l’erba del vicino.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...