Di un portatore sano di partita IVA, di isole, di branchi e di legami.

felix-russell-saw-225041

Detesto scrivere di soldi perché non mi piace toccarli, gestirli e mi fa schifo anche solo parlarne.

Da beata illusa conscia di esserlo, sogno un mondo senza denaro e a mia parziale discolpa (più che altro per inquadrarvi il soggetto) aggiungo pure senza rabbia, cattiveria, malattie, tasse e rotture di maroni in eccesso. Già che ci siamo, esageriamo e leviamoci anche la sfiga.

Tornando sulla Terra, con i piedi incrociati sotto la mia sedia, per quanto mi piaccia sognare, so che il denaro serve e do ragione all’amico Aromatico* quando lo chiama energia e di quest’energia io ne produco abbastanza per vivere bene, per sfamare il branco e anche per permettermi di non pensarci. Almeno fino a che non sono costretta a farlo.

La fattispecie odierna riguarda le tasse: è luglio e a luglio il commercialista chiama me come ogni altro portatore sano di partita IVA [da ora, per brevità: P.S.D.P.I.] e ci fa piangere più di quanto non faccia un lutto.

Chiama, ed essendo una brava persona, fa i suoi preamboli in stile “Ciao Kamal, tutto bene Kamal? I bambini hanno mangiato, Kamal?”** e poi arriva al punto, agli zeri e pure alle virgole.
Il P.S.D.P.I. ascolta, zitto zitto e a testa china, metabolizza e poi riflette. Da lì parte con le promesse, un po’ come i buoni propositi al ritorno dalle vacanze e quelli di capodanno messi insieme e poi elevati alla enne.

«Da gennaio, solo anticipi. Basta buonismi, concessioni, dilazioni, promesse. L’anno prossimo niente pro-bono.
Vuoi un libro? Mostrare moneta, vedere parole.
Il tuo passato può in qualche modo ripercuotersi sul mio futuro? Se decido di scrivere, lo faccio in ghost al 100%. Niente citazioni. Nessun ringraziamento.» – giura, il portatore.

Poi i mesi passano.
Il P.S.D.P.I. paga le sue tasse vendendo entrambi i reni su E-bay, nonché tagliandosi le vene per lungo, e poi va avanti, dimenticandosi di tutte le sue promesse e rimangiandosi quasi tutti gli impegni presi con se stesso.

Fino al luglio successivo. O alla prossima cantonata.

Ora.

Magari tu che leggi stai pensando che se il P.S.D.P.I. ripete i suoi errori e finisce a terra, la colpa sia solo sua. Se è questo che pensi, bravo, ci hai preso e sei nel giusto: il P.S.D.P.I. cade e lo fa con una certa frequenza, sbaglia, e capita pure che si faccia fregare. O che aiuti qualcuno più di quanto avrebbe dovuto o potuto fare. O che aiuti qualcuno che col cazzo che andava aiutato.

Ma ogni volta che si ritrova a terra, il P.S.D.P.I. cambia prospettiva e poi riparte: non si lamenta, non si lagna, non si strappa i capelli (anche perché, in tutta franchezza, belli come sono sarebbe un peccato!). Si spazzola e riparte.

Perché per il portatore sano di partita IVA qui presente, nonché sottoscritto – sottoscrivente – i soldi contano come la gloria: cioè pari a zero.

Trovarsi a terra, poi, gli fa solo venire voglia di rialzarsi.

Come quando gli capita di perdere un battito, o di sperare di non trovare la troponina nel suo stesso sangue, o di svegliarsi dopo quattro giorni di letargo auto-indotto, il portatore si stiracchia, guarda fuori (quando ha un fuori), e poi si tira su e nutre il suo branco, dal quale a sua volta lui stesso è alimentato in parole, coccole, dispetti e risate.

E così procede, di anno in anno, di battito in battito, ben oltre il limite che il P.S.D.P.I. non credeva di poter mai superare, chiudendo storie sbagliate ma anche stringendo qua e là nuovi legami che poi diventano parte del branco, raggiungono l’isola e trovano un posto.


Note a piè di post:

*Aromatico: nome, non aggettivo;

** Dal film “Lezioni di cioccolato”


Credits:

Foto di

Felix Russell-Saw

Photographer / Film maker ↟ Instagram: @Felixrussellsaw

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...