Ubi maior minor cessat

Lunedì sera. Sono a tavola con il mio branco. Stefania è rientrata dall’Olanda e mi mostra le strade che conosco bene e ancora ricordo; Giovanni ha fame. Sono le nove. Mangiamo la stracciatella comprata da Marco e parliamo del perché, da qualche giorno, io sia tanto nervosa quanto serafica, addirittura raggiante. – Metodo Stanislavskij: c’è […]

Read More Ubi maior minor cessat

“Non si trasforma la propria vita senza trasformare se stessi”. (Simone de Beauvoir*)

Il carburante è troppo caro. La politica non funziona. La gente è troppo arrabbiata. La pasta (e le verdure) non sono più quelle di una volta. Il lavoro non si trova. I fornitori non pagano. I clienti non rispondono. Senza una raccomandazione, non si arriva da nessuna parte. Non ci sono più le mezze stagioni […]

Read More “Non si trasforma la propria vita senza trasformare se stessi”. (Simone de Beauvoir*)

Vecchia scuola, inquisizione 2.0, condanne moderne e altre storie di comuni mortali in cerca di pagliuzze nell’occhio del vicino.

Da qualche parte, là, nella mia libreria da garage, industViale e mooolto contempoVanea (comprata da LeRoy Merlin), c’è un vecchio libro intitolato “Massa e potere”, scritto da Elias Canetti. Canetti, al di là delle capacità taumaturgiche di certi suoi passi e del fatto che riesca a curare l’insonnia meglio del Tavor e del Lendormin, se ce la fai […]

Read More Vecchia scuola, inquisizione 2.0, condanne moderne e altre storie di comuni mortali in cerca di pagliuzze nell’occhio del vicino.

Ecatombi, peanuts, intelligenza emotiva, note sul diario. E cuore.

Per quanto tu possa per natura essere un ottimista, e nel corso della tua esistenza lavorare di vision, circondarti di persone cariche di entusiasmo, scrivere, editare e leggere  tonnellate di libri/saggi/post sul valore della positività, quando ti trovi di fronte alla morte, a tre morti di seguito, nell’arco di poco, se non hai un minimo di cedimento, i […]

Read More Ecatombi, peanuts, intelligenza emotiva, note sul diario. E cuore.

Riti: la forma e la sostanza

Dal sanscrito r̥tà, deriva la parola rito. Dalle consuetudini, poi ufficializzate e standardizzate, arrivano a noi le modalità di esecuzione dei riti cui assisti da spettatore e/o protagonista. Alcune di queste modalità sono così connesse alla natura del rito da calartici dentro fino al collo, anche quando non ne fai parte, ma magari passi di lì per […]

Read More Riti: la forma e la sostanza